Archivio

Archivio Agosto 2007

No Sense

31 Agosto 2007 4 commenti
Categorie:Argomenti vari Tag:

Notturno romano

7 Agosto 2007 8 commenti

Roma t’ha devi da venì a vede quanno che è agosto, perchè pare che è vota. Che er traffico nun ce sta ppiù. E che tutto va piano piano. Come er Tevere. Anzi er biondo Tevere. Quanno che la notte mentre cammini, ner silenzio de li dormienti, poi arzà lo sguardo ar cielo e dì "Adesso Roma è solo mia. Ce stanno le stelle a confermallo. Nun le senti?" E pure si un uccellaccio malandrino te smerda addosso da lassù, tu cor core leggero, soridi, je dici li morti, e ricominci a camminà. Tanto poco più giù ce sta er nasone, da dove poi beve e ripulitte de la digestione der volatile malandrino. Ascorta sto silenzio che te regala Roma de notte. Guarda su in arto la luna. Sali su ar gianicolo pe vedella da sopra, sdraiata e sonnecchiante. Però poi scenni de novo giù, tra le gambe de sta città nostra, che sarà calla, sarà incasinata, sarà pure carica de smogghe e de malandrini, ma te sa accoje tra le braccia e te tiene tra li seni come na mamma, anzi come na nonna, perchè roma è ‘na città vecchia, antica, ma mai troppo stanca pe un fijo un nipote. Anche si spesso so proprio li fiji o li nipoti che la tratteno peggio. Che nun la guardeno. Che nun l’amano cor core. Vabè va, fateme anna pure a me. Me butto giù pe sto vicoletto, dove dicheno ce stava ‘na statua che hai tempi der papa re chiacchierava. Ammazza però, n’do te giri te giri becchi quarcosa che c’he ‘na storia da riccontà. Ma pe fallo ce vole er vino bbono dell’osteria, quarche paglia pe secca la gola, e quarcheduno che te sta a sentì. E stanotte nun ce n’è. Mejo annassene a dormì che domani me tocca.

Categorie:Argomenti vari Tag: