Archivio

Archivio Agosto 2005

Buone Vacanze a tutti..

4 Agosto 2005 9 commenti

MENEVOJOANNÁ – Radici nel Cemento

Ma dimme un pò a me chi me lo fa fà?
De stammene qua dentro a sta città
che sò du’ anni che nun cambia niente ormai.
E se cambia è in peggio, che nun ce lo sai
nun ce la faccio più! Nun ce la faccio più.
Ma lo sai che c’è? E che quando tocco er fonno
me viene voglia de partì
… me viene voglia de dà ‘n’occhiata ar monno
e nun me va più de stà qui
e allora prendo i miei vecchi stivali
apro l’atlante e me spuntano l’ali
decido ‘n fretta dove vojo annà
se in Messico, in Cina o in Madagascar…
E la noia se ne vola via, e la tristezza se ne vola via
la paranoia se ne vola via e l’amarezza se ne vola via…
Eppoi… nun te ne parlo, mo ch’ho perso er posto de lavoro
e so du’ mesi che tiro avanti ma senza decoro
e che te lo dico a fà pure la donna m’ha lasciato
e solo sò rimasto come ‘n cane abbandonato
nun ce la faccio più, nun ce la faccio più…
Ma lo sai che c’è? E’ che quanno tocco er fonno
me viene de partì
me viene voglia de dà ‘n’occhiata ar monno sì…
e nun me và più de stà qui
e allora prendo lo zaino più grosso
ce ficco dentro tutto quello che posso
io non aspetto e mo me dò in Africa, in India e pure in Equador
e la noia se ne vola via…
Me ne vojo annà, me ne vojo annà, me ne vojo annà
lo sai che c’è? E’ che quanno tocco er fonno
me viene de partì
me viene voglia de dà ‘n’occhiata ar monno
e nun me và più de stà qui…
Ma poi ce penso che io nun c’ho un sòrdo,
se parto arrivo forse all’aeroporto
e allora poso i miei vecchi stivali,
chiudo l’atlante e me cascano l’ali
me sò sbajato me tocca stà qua
e l’amarezza no nun se ne va.
Però ‘na canna me la vojo fà
hai visto mai quarcosa ha da cambià
un giorno er viaggio me lo faccio davvero
e mentre fumo me viene un pensiero…
Riprendo i miei vecchi stivali
riapro l’atlante e me tornano l’ali
comincio ‘n viaggio con la fantasia
e l’amarezza se ne vola via…

SOGNANDO GIAMAICA – Radici nel Cemento

Sottomesso dal cemento io non m’ accontento
col pensiero volo in alto spengo tutto e parto
portami laggiu’ dove il freddo non c’ è piu’
dove il vento soffia caldo e la montagna è blu
RIT:sognando un pò jamaica shalallalla
shalallallalà sognando un pò jamaica
shalalalla shalallallallà
io che per poter viaggiare uso la mia fantasia
io che non so cos’ è volare ti trascino via
via da quaggiu’ verso il cielo che vuoi tu
dove suona questa musica ed il mare è blu
RIT
steso sotto questo sole ora mi accontento
attraverso questo cielo nuoto controvento
oggi no non parto piu’ me ne resto un pò quaggiu’ dove il mare non è bello
però ci sei tu
RIT
OKKIO!…cke la jamaica non è
soltanto sole mare rasta reggae
OKKIO!..che la jamaica non dà
soltanto rum e marijuana da fumà
perchè in jamaica se more pè le strade
e li pischelli se pijano a cortellate
e le bande girano armate
volano pizze piste e pistolettate
e se parla sempre piu’ l’ americano
e nun se sente piu’ er jamaicano
e te conviene sapè dove vai
se sei bianco,nun ce lo sai?
e te conviene sapè dove sei
se per caso sei donna o sei gay
e te conviene sapè che stai a fà
che ‘ na fregnaccia qui nun la poi fà
le antenne dritte e le orecchie accorte
qui ce sta pure la pena de morte
OKKIO!…che la jamaica non è
soltanto sole mare rasta reggae
OKKIO!…che la jamaica non dà
soltanto rum e mrijuana da fumà
OKKIO!

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

Sono stanco..

2 Agosto 2005 10 commenti

..e insieme alla musica mi perdo nell’alba..

Alba Meticcia – Africa Unite

Non si tratta di togliere,aggiungere alcunchè
all’orgoglio di nazioni
ma da un incontro, o anche a volte da uno scontro
nasce un germe di creazione,
invenzione attrazione genetico evolversi
ce lo ricorda la storia,
racchiuso nel sangue il destino è confondere
per migliorarsi

Via verso un’alba meticcia
tessuto di corpi insieme
ancora un’alba meticcia
Mischia, ascolta, suonala insieme,
mischia, scopri, conosci e decidi

Cerca, nella memoria la ragione
degli assurdi pregiudizi su etnia e religione
al dilà di un coro di mediocri opinioni
contrattacca e dissenti,
perchè le menti già purissime, ma sterili da tempo
fondendosi fecondano alchimie reagenti
non chiuderti dai spazio al tuo cervello
solo dallo sguardo riconosci un fratello

Via verso un’alba meticcia
tessuto di corpi insieme
ancora un’alba meticcia
Mischia, ascolta, suonala insieme,
mischia, vivi, conosci e decidi

Ma tutt’oggi l’opinione più diffusa
è miope come un cannone
attento arriva il manganello a proteggere l’integrità
di questa razza che si è formata mischiando
cechi e saladini con normanni e spagnoli
arabi ed ebrei greci slavi africani
di puro solo un cuore per il mondo di domani

Via verso un’alba meticcia
tessuto di corpi insieme
ancora un’alba meticcia
Mischia, ascolta, suonala insieme,
mischia, scopri, conosci e decidi
Mischia, ascolta, suonala insieme

Categorie:Senza categoria Tag: ,

Un paio di canzoni..

1 Agosto 2005 5 commenti

SUZANNE
(F.De Andrè – traduzione da L.Cohen)

Nel suo posto in riva al fiume
Suzanne ti ha voluto accanto,
e ora ascolti andar le barche
ora puoi dormirle al fianco,
sì lo sai che lei è pazza
ma per questo sei con lei.
E ti offre il tè e le arance
che ha portato dalla Cina
e proprio mentre stai per dirle
che non hai amore da offrirle,
lei è già sulla tua onda
e fa che il fiume ti risponda
che da sempre siete amanti.
E tu vuoi viaggiarle insieme
vuoi viaggiarle insieme ciecamente,
perché sai che le hai toccato il corpo,
il suo corpo perfetto con la mente

E Gesù fu un marinaio
finché camminò sull’acqua,
e restò per molto tempo a guardare solitario
dalla sua torre di legno,
e poi quando fu sicuro
che soltanto agli annegati
fosse dato di vederlo disse :”Siate marinai
finché il mare vi libererà”.
E lui stesso fu spezzato,
ma più umano, abbandonato,
nella nostra mente lui non naufragò.
E tu vuoi viaggiargli insieme
vuoi viaggiargli insieme ciecamente,
forse avrai fiducia in lui
perché ti ha toccato il corpo con la mente

E Suzanne ti dà la mano
ti accompagna lungo il fiume,
porta addosso stracci e piume,
presi in qualche dormitorio,
il sole scende come miele
su di lei donna del porto
che ti indica i colori
tra la spazzatura e i fiori,
scopri eroi tra le alghe marce
e bambini nel mattino,
che si sporgono all’amore
e così faranno sempre ;
e Suzanne regge lo specchio.
E tu vuoi viaggiarle insieme
vuoi viaggiarle insieme ciecamente,
perché sai che ti ha toccato il corpo,
il tuo corpo perfetto con la mente.

LA CATTIVA STRADA
(F.De Andrè – F.De Gregori)

Alla parata militare
sputò negli occhi a un innocente
e quando lui chiese perché
lui gli rispose questo è niente
e adesso è ora che io vada
e l’innocente lo seguì,
senza le armi lo seguì
sulla sua cattiva strada
Sui viali dietro la stazione
rubò l’incasso a una regina
e quando lei gli disse come
lui le rispose forse è meglio è come prima
forse è ora che io vada
e la regina lo seguì
col suo dolore lo seguì
sulla sua cattiva strada

E in una notte senza luna
truccò le stelle ad un pilota
quando l’aereoplano cadde
lui disse è colpa di chi muore
comunque è meglio che io vada
ed il pilota lo seguì
senza le stelle lo seguì
sulla sua cattiva strada

A un diciottenne alcolizzato
versò da bere ancora un poco
e mentre quello lo guardava
lui disse amico ci scommetto stai per dirmi
adesso è ora che io vada
l’alcolizzato lo capì
non disse niente e lo seguì
sulla sua cattiva strada

Ad un processo per amore
baciò le bocche dei giurati
e ai loro sguardi imbarazzati
rispose “Adesso è più normale
adesso è meglio. adesso è giusto, giusto. è giusto
che io vada”
ed i giurati lo seguirono
a bocca aperta lo seguirono
sulla sua cattiva strada.

Categorie:Senza categoria Tag: ,