Archivio

Archivio Gennaio 2005

Zompetta zompetta..

28 Gennaio 2005 16 commenti


..alla fine nella nebbia me ce so perso.. che a dirla tutta manco me dispiace.. guardate cosa c’ho trovato..

Self Evident
Ani Di Franco

yes,
us people are just poems
we’re 90% metaphor
with a leanness of meaning
approaching hyper-distillation
and once upon a time
we were moonshine
rushing down the throat of a giraffe
yes, rushing down the long hallway
despite what the p.a. announcement says
yes, rushing down the long stairs
with the whiskey of eternity
fermented and distilled
to eighteen minutes
burning down our throats
down the hall
down the stairs
in a building so tall
that it will always be there
yes, it’s part of a pair
there on the bow of noah’s ark
the most prestigious couple
just kickin back parked
against a perfectly blue sky
on a morning beatific
in its indian summer breeze
on the day that america
fell to its knees
after strutting around for a century
without saying thank you
or please

and the shock was subsonic
and the smoke was deafening
between the setup and the punch line
cuz we were all on time for work that day
we all boarded that plane for to fly
and then while the fires were raging
we all climbed up on the windowsill
and then we all held hands
and jumped into the sky
and every borough looked up when it heard the first
blast
and then every dumb action movie was summarily
surpassed
and the exodus uptown by foot and motorcar
looked more like war than anything i’ve seen so far
so far
so far

so fierce and ingenious
a poetic specter so far gone
that every jackass newscaster was struck
dumb and stumbling
over ‘oh my god’ and ‘this is unbelievable’ and on and
on
and i’ll tell you what, while we’re at it
you can keep the pentagon
keep the propaganda
keep each and every tv
that’s been trying to convince me
to participate
in some prep school punk’s plan to perpetuate
retribution
perpetuate retribution even as the blue toxic smoke of our lesson in retribution

is still hanging in the air
and there’s ash on our shoes
and there’s ash in our hair
and there’s a fine silt on every mantle
from hell’s kitchen to brooklyn
and the streets are full of stories
sudden twists and near misses
and soon every open bar is crammed to the rafters
with tales of narrowly averted disasters
and the whiskey is flowin
like never before
as all over the country
folks just shake their heads
and pour

so here’s a toast to all the folks who live in palestine
afghanistan
iraq
el salvador
here’s a toast to the folks living on the pine ridge
reservation
under the stone cold gaze of mt. rushmore
here’s a toast to all those nurses and doctors
who daily provide women with a choice
who stand down a threat the size of oklahoma city
just to listen to a young woman’s voice
here’s a toast to all the folks on death row right now
awaiting the executioner’s guillotine
who are shackled there with dread
and can only escape into their heads
to find peace in the form of a dream

cuz take away our playstations
and we are a third world nation
under the thumb of some blue blood royal son
who stole the oval office and that phony election
i mean
it don’t take a weatherman
to look around and see the weather
jeb said he’d deliver florida, folks
and boy did he ever
and we hold these truths to be self evident:
#1 george w. bush is not president
#2 america is not a true democracy
#3 the media is not fooling me
cuz i am a poem heeding hyper-distillation
i’ve got no room for a lie so verbose
i’m looking out over my whole human family
and i’m raising my glass in a toast
here’s to our last drink of fossil fuels
let us vow to get off of this sauce
shoo away the swarms of commuter planes
and find that train ticket we lost
cuz once upon a time the line followed the river
and peeked into all the backyards
and the laundry was waving
the graffiti was teasing us
from brick walls and bridges
we were rolling over ridges
through valleys
under stars
i dream of touring like duke ellington
in my own railroad car
i dream of waiting on the tall blonde wooden benches
in a grand station aglow with grace
and then standing out on the platform
and feeling the air on my face
give back the night its distant whistle
give the darkness back its soul
give the big oil companies the finger finally
and relearn how to rock-n-roll

yes, the lessons are all around us
and a change is waiting there
so it’s time to pick through the rubble, clean the streets
and clear the air
get our government to pull its big dick out of the sand
of someone else’s desert
put it back in its pants
and quit the hypocritical chants of
freedom forever
cuz when one lone phone rang
in two thousand and one
at ten after nine
on nine one one
which is the number we all called
when that lone phone rang right off the wall
right off our desk and down the long hall
down the long stairs
in a building so tall
that the whole world turned
just to watch it fall

and while we’re at it
remember the first time around?
the bomb?
the ryder truck?
the parking garage?
the princess that didn’t even feel the pea?
remember joking around in our apartment on avenue D?
can you imagine how many paper coffee cups
would have to change their design
following a fantastical reversal
of the new york skyline?!
it was a joke, of course
it was a joke
at the time
and that was just a few years ago
so let the record show
that the FBI was all over that case
that the plot was obvious and in everybody’s face
and scoping that scene
religiously
the CIA
or is it KGB?
committing countless crimes against humanity
with this kind of eventuality
as its excuse
for abuse after expensive abuse
and it didn’t have a clue

look, another window to see through
way up here on the 104th floor
look
another key
another door
10% literal
90% metaphor
3000 some poems disguised as people
on an almost too perfect day
should be more than pawns
in some asshole’s passion play
so now it’s your job
and it’s my job
to make it that way
to make sure they didn’t die in vain
sshhhhhh….
baby listen
hear the train?

Di traduzione ce ne sono varie.. io vi metto questa di Lella Costa perchè ho i miei motivi..

LAMPANTE

Sì, noi tutti siamo solo poesie
al 90% metafore
con una povertà di senso
che si avvicina all’iperdistillazione
eppure c’è stato un tempo in cui eravamo raggi di luna
e scivolavamo giù per il collo di una giraffa
sì, scivolavamo per quel lungo corridoio
nonostante quello che dice l’impianto voce
sì, scivolavamo per quelle lunghe scale
con il whiskey dell’eternità fermentato e distillato per diciotto minuti
che ci bruciava in gola
giù per il corridoio
giù per le scale
di un edificio così alto che resterà lì per sempre
sì fa parte di una coppia
là sulla prua dell’arca di Noè
la coppia più prestigiosa che si rimandava la palla
contro un cielo perfettamente azzurro
in quel mattino sublime
con la sua bellezza da estate indiana
il giorno in cui l’America cadde in ginocchio
dopo aver camminato impettita per un secolo
senza mai dire grazie o per favore
e lo shock fu subsonico
e il fumo assordante
perché eravamo tutti al lavoro in orario quel giorno
e tutti ci siamo imbarcati su quel volo
e poi mentre le fiamme infuriavano
ci siamo tutti arrampicati sul davanzale
e poi ci siamo presi per mano,
tutti e ci siamo lanciati nel cielo
e ogni distretto ha alzato gli occhi
quando ha sentito il primo scoppio
e ogni stupido film d’azione di colpo è sembrato superato
e quell’esodo di persone e automobili
assomigliava alla guerra
più di ogni altra cosa che abbia visto finora
finora, per ora

così fiero e ingegnoso
un fantasma poetico riapparso dopo due secoli
che ogni commentatore idiota si trovò a balbettare
“oh mio dio” e “è incredibile”
nient’altro per ore e ore
e voglio dirvi una cosa, già che ci siamo:
potete tenervi il Pentagono
tenervi la propaganda
tenervi ogni singola televisione
che ha tentato di convincermi
ad aderire al piano di qualche liceale fanatico
per orchestrare la ritorsione
proprio mentre il fumo bluastro e tossico
del nostro esempio di ritorsione
sta ancora ammorbando l’aria
e abbiamo cenere sulle scarpe
e cenere nei capelli
un mantello di sottile di limo
da Hell’s Kitchen a Brooklyn
e le strade sono piene di storie
di svolte impreviste e ritardi provvidenziali
e ogni bar aperto
si riempie fino al soffitto di leggende di disastri evitati per un soffio
e oò whiskey scorre come mai era successo
mentre in tutto il paese la gente scuote la testa e si versa da bere.

E allora facciamo un brindisi
a tutti quelli che vivono in Palestina
Afghanistan Iraq El Salvador
un brindisi a tutti quelli che vivono nella riserva di Pine Ridge
sotto lo sguardo gelido e pietrificato
del Mont Rushmore
un brindisi a tutti quei medici
e quelle infermiere
che ogni giorno permettono alle donne di scegliere
che affrontano una minaccia grande come Oklahoma City
solo per ascoltare la voce di una ragazza
un brindisi a tutti i condannati a morte
che in questo momento aspettano la loro ghigliottina
soffocati dal terrore
e possono fuggire solo in se stessi
per trovare la pace in forma di sogno
perché portateci via le nostre playstation
e siamo una nazione da terzo mondo
dominata da una specie di erede blasonato
che ha usurpato lo studio ovale
e quelle elezioni fasulle
voglio dire,
che non ci vuole certo un metereologo
per guardare fuori che tempo fa
Jeb aveva detto che avrebbe consegnato la Florida, gente,
e altroché se ci è riuscito
e queste sono le nostre verità lampanti
1. George Bush non è presidente
2. l’America non è una vera democrazia
3. i media non mi prendono in giro
perché io sono una poesia
attenta all’iperdistillazione
non ho posto per una bugia così prolissa
abbraccio con uno sguardo
tutta la mia famiglia di esseri umani
e sollevo il bicchiere in un brindisi
che sia il nostro ultimo sorso
di carburanti fossili
giuriamo di farla finita con questo veleno
di disperdere gli sciami di aerei pendolari
e ritrovare quel biglietto del treno
che avevamo perduto
perché c’è stato un tempo in cui la ferrovia costeggiava il fiume
e curiosava in tutti i cortili
e c’era il bucato steso
e graffiti che ammicavano da ponti e muri di mattoni
giravamo tra montagne e vallate
sotto le stelle
io sogno di viaggiare come Duke Ellington
nella mia carrozza privata
sogno di aspettare
sulle alte panchine di legno biondo
in una stazione centrale inondata di grazia
e poi in piedi sul binario
sentire l’aria sul viso
restituire alla notte il suo fischio lontano
restituire alle tenebre l’anima
mandare affanculo una volta per tutte le grandi compagnie petrolifere
e imparare da capo il rock’n'roll

sì, gli esempi ci circondano
e ci aspetta un cambiamento
e dunque è ora di esaminare le macerie
ripulire le strade e rinfrescare l’aria
cosringere il governo
a tirar fuori il suo grosso uccello dalla sabbia del deserto di qualcun altro
rinfilarselo nei pantaloni
e farla finita con li slogan ipocriti di libertà duratura
perché quando quell’unico telefono ha chiamato
nel 2001 alle nove e dieci il 911
che è il numero che tutti abbiamo chiamato quando quell’unico telefono ha squillato
dietro la parete dalla nostra scrivania
fino al corridoio
lungo le scale interminabili
di un edificio così alto
che il mondo intero si è voltato
solo per vederlo cadere.

E già che ci siamo vi ricordate la prima volta?
la bomba? il camion?
il parcheggio sotterraneo?
la principessa che non si era neppure accorta del pisello?
vi ricordate come ci scherzavamo sopra?
riuscite ad immaginare quanti bicchieri di carta dovrebbero cambiare decorazione
inseguendo l’incredibile cambiamento dello skyline di New York?
era solo uno scherzo, naturalmente
solo uno scherzo
ed è successo solo pochi anni fa
e allora che l’inchiesta dimostri
che l’FBI era coinvolta nel caso
che la trama era evidente e sotto gli occhi di tutti
e ad esaminare la zona religiosamente
la CIA – o è il KGB?
che ha commesso innumerevoli crimini contro l’umanità
sempre con questa eventualità come scusa
per tutti gli abusi
commessi l’uno dopo l’altro
senza mai un indizio
guardate c’è un’altra finestra lassù,
al 104° piano
un’altra chiave
un’altra porta

letterale al 10%
al 90% metafora
tremila poesie travestite da persone
in una giornata quasi perfetta
dovrbbero essere qualcosa di più
che pedine nella sacra rappresentazione di qualche stronzo
così adesso tocca a voi e tocca a me
fare in modo che non siano morte invano.
Shhhhh…… ascolta piccola, lo senti il treno?

..e ora me ne torno nella mia nebbia..
cosi nessuno mi vedrà piangere ancora..

Grazie ciocche rosse..
Riferimenti: Se volete scaricare l’originale..

Categorie:Senza categoria Tag:

Zompetto zompetto..

26 Gennaio 2005 9 commenti

zompettando qua e la tra un pezzo di vita e una panchina su cui sopravvivere evito gocce di pioggia e fiocchi di neve.. fa un freddo del cazzo questa notte e nevica in tutta italia tranne che qui.. qui piove.. cadono gocce gelide e fanno male come sassi.. c’è qualcuno lassù che mi tira piccoli sassi addosso.. non è vero.. c’è qualcuno lassù che lascia cadere sassi ed io in una botta di egocentrismo masochistico penso che siano attacchi diretti a me.. ma di me non frega un cazzo a nessuno lassù.. perchè mi dovrebbe tirare sassi? siamo tutti malati di egocentrismo masochistico.. pensiamo che ogni cosa è fatta contro noi stessi.. diamo intretazioni esagerate ad ogni minimo gesto.. costruiamo complotti internazionali contro di noi.. ma alla fine a nessuno frega un cazzo di noi e a chi frega non si mette a fare ste stronzate.. ogni gesto è quello che è.. puro.. semplice.. pulito.. senza stronzate.. ed a noi basterebbe chiedere e credere nella sua sincerita.. dimostrata.. bollata e garantita.. invece di costruire castelli in aria..

Zompetto zompetto.. coniglio o ranocchia.. canguro o grillo.. o semplicemente un cretino instabile.. cazzo che freddo stanotte.. sarà per questo che zompetto? le dita delle mani non si piegano quasi più.. sono rattrappite dal gelo.. hanno assunto una posizione artigliata.. sembrano arti di plastica.. utili sono per fumare.. in mezzo al lago c’è in isolotto con un salice i cui rami sfiorano il terreno e nascondo il tronco.. sotto c’è seduto un vecchio con il viso scavato dal tempo.. se ne sta lì immobile e sorridente.. ma se provo ad avvicinarmi mi crivella con il mitra che nasconde dietro la schiena.. ma lo fa con il sorriso.. gli tiro un nano da giardino e lui lo becca al volo mandandolo in pezzi.. m’invita a bere e sorride ancora.. mentre cerco di arrivare da lui salendo sulla zattera di bambù mi ferma lo sceriffo.. si chiama Giorg Dabbliu e difende la democrazia e la libertà.. lo fa con la colt ed il winchester.. sputa frasi senza senso contro il vecchio e la dittatura.. ogni tanto ha lo sguardo perso ed imbambolato.. mi dice che viene da una famiglia di uomini di legge.. di difensori della democrazia.. ma non sa il significato di libertà e tira una granata ne lago.. improvvisa una danza texana con strani urletti e spara in aria contro baffoni volanti.. il vecchio è sempre lì che sorride.. Giorg Dabbliu mastica dollari e beve petrolio.. mi dice che è ottimo.. se lo fa arrivare direttamente dall’oriente.. non quello estremo.. quello medio.. arriva prima ed è meglio perchè è concimato dai bambini e dai suoi che prima ci hanno buttato un pò di roba sopra per preparare il terreno.. zompetto zompetto.. ed inizio a pensare che il cretino alla fine forse non sono io.. a Giorg Dabbliu pendono fili dalle mani e dai gomiti.. veste di cartapesta e la stella di latta gli pesa sul petto.. lo lascio ai suoi giochi e m’immergo nel lago dato che lo sceriffo mi ha affondato la barchetta..

Categorie:Senza categoria Tag:

Deliri senza febbre..

25 Gennaio 2005 5 commenti


un immenso prato verde si spande attorno a me fin dove arriva l’occhio.. non un albero.. non un edificio.. non una roccia.. non una collina.. nulla interrompe la regolarità di quest’immagine.. solo una sconfinata prateria verde.. sopra di me un cielo azzurro senza nuvole.. l’aria è limpida e pulita.. nessun odore.. nessun rumore.. niente vento.. non c’è nemmeno il sole.. c’è la sua luce ma in cielo non c’è il sole.. sono scalzo.. sono nudo.. so d’esser vivo.. ho sensazioni.. sento l’erba sotto i piedi.. eppure tutto è cosi strano.. m’incammino verso una direzione.. il paesaggio non cambia.. accarezzo tra le dita la tartaruga di pietra saponara appesa al collo tra le solite collane.. la sento calda.. la stacco e la metto a terra davanti ai miei piedi.. inizia a tremare un pò.. lentamente diventa grande.. cresce.. sempre di più.. faccio un paio di passi indietro per darle spazio.. mi arriva all’altezza delle spalle.. si gira.. mi guarda.. mi saluta.. si toglie il guscio e si mette comoda.. siedo anch’io.. beviamo vino rosso e ridiamo.. mentre parliamo prende quella che è la sua casa e inizia a battere come su un tamburo.. ne esce un suono sordo e ritmato.. nell’aria si spande una voce.. poi un’altra.. e un’altra ancora.. suono di sonagli.. piedi che scalciano il terreno.. attorno a noi nativi d’america danzano in costumi di pelle e piume.. d’improvviso è notte e lo sciamano agita il suo bastone verso le stelle.. tintinnano le ossa che vi sono appese e con la voce profonda canta di spiriti, lupi e corvi.. i suoi guerrieri danzano seguendo un’immaginaria spirale sul terreno.. e le stelle si spostano con loro.. Buba, la tartaruga, continua a suonare ed a versare vino rosso mentre mi dice che tutto iniziò con una spirale.. saluto lo sciacallo che siede vicino a me e fuma dalla sua pipa con calma.. più in là il grande serpente piumato danza sinuoso ed ogni tanto viene da noi a bere vino.. ho il dorso delle mani tatuato.. simboli antichi quanto la mia pelle.. talismani che proteggono dalla realtà.. Marley mi strizza l’occhio.. Einstein mi fa la linguaccia per farmi vedere che sopra c’ha messo un acido e lo manda giù con un margarita.. mi sento bussare su una spalla.. è Morrison che mi offre un Jack Daniels e una canna.. mastico la carne affumicata e passo la penna al Che.. discute con Ghandi e Socrate ignorando la cenere che vuole cadere dal suo sigaro.. arriva cosi Mozart che li sistema affermando che la cosa migliore è una buona moto ed il vento sulla faccia.. Kerouac ha finito il suo razzo per la luna.. canta lo sciamano.. danzano gli indiani.. De Andrè mi offre un ultimo sorso di vino.. Buba si rimette il guscio.. gli monto in groppa e voliamo via in cerca della luna..

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

febbricitanti deliri

24 Gennaio 2005 7 commenti

il cervello attaccato dalla febbre emargina pensieri roventi e deliranti. Lampi di colori incostanti senza una via aggrediscono le pupille protette dalle palpebre. buio di una notte senza lune chiusa in una stanza priva di pareti. raziocinio aggredito e sconfitto senza fatica da nuvole di vapore cerebrale. parole danzanti escono da bocche di cantanti e volteggiano nella mente. parole di libertà ed allegria. brividi di gelo scuotono le membra bollenti per la febbre. ben poca protezione offre il piumone ad un freddo che nasce da dentro. gli arti non riescono a star fermi rapiti da movimenti involontari. la testa offre visioni allucinate troppo lontane dalla realtà. non costano nulla e non hanno controindicazioni. basta solo chiudere gli occhi e lasciarsi andare. ritrovarsi cosi ad inseguire un gruppo di freakettoni a bordo di una due cavalli scassata. salutare un treno che porta via il clan e la grande famiglia. star seduti in un carrozzone e seguire la carovana senza sapere dove ci si fermerà. sedere attorno ad un fuoco insieme a sciamani brasiliani maghe streghe e vampiri. perdersi nel deserto e sentire che la civiltà è lontana. stendersi nelle amache accanto a Dio e guardare l’umanità aprire gli occhi e rendersi conto di quali sono i veri valori. bere un mojito in compagnia di Buddha e fumare con Visnù guardando pittori colorare le montagne. sentire la voglia di camminare scalzi per il mondo. se nulla si ha nulla si perde. ridurre i bisogni per accrescere la libertà contro una società che ci tiene schiavi di noi stessi e dei nostri bisogni. liberi di amare e lasciarsi amare. anche per un solo minuto. leggere tutti i libri. fotografare tutti i luoghi ed i volti. conoscere tutti i colori e mescolarli assieme. sentirsi leggeri e fermare Icaro prima che si avvicini troppo al sole. trovarsi nudo in un bosco e ubriacarsi con Oberon trangugiando vino rosso. scavalcare un muro solo per il gusto d’andare dall’altra parte. parlare con ogni artista e sentirlo narrare i perchè delle sue opere. stendersi in un prato ed evaporare al sole. tramutarsi in milioni di piccole gocce e salire verso l’alto per poi disperdersi nell’azzurro..

Categorie:Senza categoria Tag: ,

Bob Marley: dalla Giamaica all’Africa

14 Gennaio 2005 15 commenti


Bob Marley: dalla Giamaica all’Africa
Le spoglie del re del reggae riesumate e trasportate in Etiopia

Le spoglie di Bob Marley, morto di cancro nel 1981, saranno riesumate e la sua salma verrà trasportata in Etiopia, sua “patria spirituale” (L’ Etiopia è la terra natia di Haile Selassie, che i Rastafarian come Marley considerano l’incarnazione di Dio).

Lo ha annunciato la vedova Rita, anticipando che la cerimonia avrà luogo il prossimo febbraio nell’ambito del mese di celebrazioni per la ricorrenza del sessantesimo anniversario della nascita della leggenda del reggae.

“L’intera vita di Bob è legata all’Africa, non alla Giamaica”, ha dichiarato la Marley alla Bbc, “ha quindi il diritto che i suoi resti siano dove voleva che fossero”.

La vedova ha precisato inoltre che le spoglie saranno seppellite a Shashemene, località a 250 chilometri a sud dalla capitale etiopica, Addis Abeba.

Il paese africano festeggerà il sessantesimo compleanno mancato del re del reggae con una serie di eventi: un festival cinematografico, una serie di seminari e un galà di beneficenza musicato durante il quale verranno suonati i più grandi successi di Marley.

Le celebrazioni culmineranno in un concerto ad Addis Abeba il 6 febbraio: tra i partecipanti, i tre figli del cantante, Quincy Jones , Jovanotti e Youssou N’Dour.

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

lacrime di rabbia disperata.. ovvero un delirio senza senso sul tg..

13 Gennaio 2005 14 commenti

non riesco più a guardare il telegiornale.. la sera torno a casa appena in tempo per la cena ed è abitudine dei miei guardare il telegiornale.. almeno questo.. guardano il tg5 ed io mi iadatto.. almeno so che succede nel mondo.. anzi è più esatto dire che so quello che i telegiornali inutili mi dicono che succede nel mondo.. colpa mia anche questo lo ammetto.. esistono altri canali di informazione meno “gestiti” da cui poetr raccogliere notizie.. magari anche quelle saranno notizie un pò viziate.. in fondo siamo tutti uomini ed ognuno tira l’acqua al suo mulino e suona la melodia che preferisce.. ma meglio che ascoltare una notizia sul migliaia di morti data da uno abbronzato e anche scocciato che stava lì in vacanza non è decisamente il massimo.. fare a gara a chi racconta prima la tragedia più grande non lo posso considerare “riportare una notizia”.. falsare le notizie.. costruirne di false.. per non parlare di notizie di gossip.. tizio che lascia con caio.. l’ugnhia incarnita di pico pallo.. e stronzate del genere.. perchè? dite che la gente si stufa a sentir parlare solo di morti e guerre? ammetto che a me fa male sentirlo.. l’altra sera sono dovuto scappare in bagno perchè non reggevo più e sono esploso a piangere senza motivo mentre parlavano di una ragazza rapita, violentata e uccisa.. ma non si può fare un telegiornale che riporta le notizie che ci piacciono.. non si può fare informazione scegliendo quello che la gente deve sapere.. o crede di voler sapere.. il telegiornale e la televisione hanno un potere assurdo nella nostra società.. creano mode.. creano e distruggono miti.. annullano le distanze.. divulgano notizie.. gestire questo immenso potere è una grande responsabilità.. vuol dire gestire i gusti ed il sapere di un’intera società “civile”.. le parole hanno un potere enorme.. come le immagini.. montate ad arte assumono mille significati diversi.. si fanno dire a chiunque cose mai espresse.. possono dirtuggere la reputazione di chiunque con due sole parole.. basta che mandino la nostra foto in tv dicendo che forse, chissà, un giorno passavamo di là mentre c’era una rapine ed ecco che ci troviamo tutti con il dito puntato contro che ci danno del terrorista.. basta non cadere nei canoni televisivi che non contiamo un cazzo.. se non lo dice la tv non è vero.. mi spiace ma siamo ridotti a questo.. lobotomizzati da una scatola magica.. milioni di pecoroni che seguono le immagini colorate alla tv.. che cercano di sapere i segreti della gente che conta.. dei cosi detti VIP.. quelli che fino a poche ore fa se li vedevi passare per strada gli lasciavi venti centesimi perchè ti facevano pena.. e ora te li ritrovi in tv che fabbo gli opinionisti solo perchè sono stati chiusi in una casa per qualche giorno a sparare cazzate e grattarsi il culo davanti a milioni di coglioni.. e c’è gente che dietro l’angolo di casa nostra muore di fame.. muore di bombe lanciate per interessi economici..
le nazioni sono arrivate al punto di litigare per gli aiuti umanitari ai poveracci del maremoto.. ma non perchè ai grandi capi freghi qualcosa che muoiono di fame, a parte ritirare su il villaggio turistico dove fare le ferie.. c’è stata tutta questa corsa alla solidarietà solo per arrivare prima ed aggiudicarsi un ottimo accordo per la ricostruzione.. solo per avere un’ottima posizione quando tra poco dovranno ridisegnare le mappe geopolitiche del mondo.. come è successo anche in afghanistan o in iraq..
per non parlare dei poveri locali che dipendono dai soldi dei turisti.. leggete bene sta parola: “DIPENDONO”.. e qui vi lascio.. altrimenti brucio tutto.. pensare che popoli dipendono da noi per fame.. arrivare al punto di implorare il ritorno dei turisti.. supplicare l’occidente di sfruttarli.. direi che c’è qualcosa che non va..

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,

quentin is not dead..

10 Gennaio 2005 36 commenti


Inizio del 2005 con il primo proposito già mancato.. ovvero la sparizione di quentin da questo globo terracqueo che ci vede sopravvivere e soccombere.. mi spiace per tutti voi ma non ho trovato posto all’inferno..
sono stato sfrattato dell’attico con vista sulle pozze di zolfo che avevo..
mi hanno sfrattato ed ora mi ritrovo di nuovo a vagare su quest’altro inferno.. vagabondo di nuovo senza meta alcuna con una bottiglia di vino rosso in mano ed una canna nell’altra.. Questo tanto per non deludere chi va in giro a dire che tutti i blog sono uguali scassando i coglioni con la storia dei cloni e dei finti ribelli.. e si.. questo 2005 mi vede tornare anche generoso e comprensivo..
Cazzo.. quentin la puttana sta invecchiando..
o forse sto giro il pusher m’ha servito male..
Anyway.. vedo che non è cambiato un cazzo da ste parti.. fuori o dentro di qui pare che le cose funzionino allo stesso modo.. c’è chi è pronto a puntare il dito e giudicare, anzi ad offendere e sparar cazzate dall’alto di un pulpito che puzza di superficialità e banalità.. pronti a scagliarsi contro chiunque non ricada nella loro normalità o segua i propri canoni.. ma in fondo il mondo è bello anche per questo.. cadere nella mediocrità convinti di aver raggiunto la vetta dell’originalità.. strisciare nel fango convinti di volare oltre le nuvole.. Siamo in un mondo relativamente libero e chiunque può aprir bocca e dire quel che pensa.. e ben vengano fiumi di parole.. ben vengano sentenze e giudizi su chi non si conosce.. non conoscete nemmeno voi stessi e vi arrogate il diritto di giudicare chi non conoscete? è sicuramente più facile.. meno doloroso.. più gratificante.. soprattutto nascondendosi dietro uno schermo che offre la possibilità di nascondersi e di generare un’identità diversa o anonima che oltre le parole scritte su uno schermo cadrebbe al suolo come una merda di vacca dall’orifizio anale del suddetto bovino.. ma sto discorso è vecchio come il mondo (di internet).. ed allora giudicate.. sentenziate.. parlate.. urlate.. polemizzate.. fate un pò quello che cazzo vi pare.. predicate come nuovi santoni dell’originalità e della ribellione.. generali dell’eccelso e dell’unico.. custodi del vero che sedete al di sopra di noi poveri mortali.. a voi è dovuta devozione e fede moderni sacerdoti e giudici di miseri umani.. peccato che io non abbia nessuna delle due cose nello zaino ed il mio misero cervello ha deciso di interrompere i collegamenti tra i vari neuroni e non sia più capace di elaborare un pensiero sensato.. per questo forse cammino nella notte della mia città con una bottiglia di vino rosso in una mano ed una canna nell’altra.. forse è per la mancanza di sinapsi nel mio cranio che vagabondo nel buio e incrocio anime ed occhi simili ai miei.. forse è perchè ho gli occhi troppo aperti che vedo le stelle che camminano tra le strade di questa notte senza luna.. forse è perchè mi sento stretto chiuso in un giudizio.. o forse è solo perchè sono una puttana che non ha l’obbligo di piacere a nessuno.. una puttana libera di essere solamente quello che sono.. una puttana che a differenza di molti non cerca certezze nel piacere agli altri a tutti i costi.. una puttana che è tutto e niente.. una puttana in grado di pensare.. e non c’è cosa più pericolosa di chi sa di possedere una testa.. che possa produrre anche un solo pensiero.. ma sarà quel misero pensiero che mi renderà diverso..

Ben tornati a tutti..
Brindo alla mia salute..
Quentin.. Love & Peace..

Colonna sonora

Santana – Abraxas
Santana – Santana

Categorie:Senza categoria Tag: ,