Archivio

Archivio Dicembre 2003

2004

31 Dicembre 2003 8 commenti

..e cosi sia.. Esploderà questa notte… In mille stelle sparse nel cielo.. In mille urla.. in mille gesti.. in mille carezze.. in una sola anima.. Spaccherò questa notte.. Spaccherò il mio stesso essere.. Lo sgretolerò e lo regalerò al vento.. me lo restituirà perchè non saprà cosa farsene di tanta dannazione.. tra lampi di fuochi artificiali e note di concerti e musiche.. Cesserà di esistere un altro anno.. Invenzione dell’uomo.. ma c’è.. ed è una scusa per fare festa.. morirò questa notte.. mille volte almeno.. e mille volte rinascerò.. sognerò occhi e labbra.. guarderò visi e sentirò abbracci.. nell’attesa che muoia questo anno ed io con lui.. tristezza?? gioia?? nessuna delle due.. Sono quel che sono.. Apocalisse e Genesi.. Fine ed Inizio.. in un cilco continuo.. Sorrido.. lancio un pensiero per ognuno di voi.. che vi arrivi in tempo per dirvi buon inizio.. lascio in pace le vostre menti.. vi bacio e vi abbraccio.. Che questo anno che arriva sia come lo vogliate.. con tutti i vostri sogni e le vostre speranze.. e magari anche qualcuna delle mie.. ;)

Lascio da queste parti un pezzetto d’anima.. cosi se stanotte la dovessi bruciare tutta me ne rimane almeno un pezzetto da clonare.. non sarà come l’originale, ma meglio di niente.. inutile speranza liberarsi di me..

che quest’anno che vada ad iniziare..

Quentin.. Love & Peace..

Categorie:Senza categoria Tag:

Buio

26 Dicembre 2003 13 commenti

Assordante la musica nelle orecchie.. deve fermare ogni pensiero.. ma sembra del tutto inutile.. Ligabue canta a squarciagola Piccola stella senza cielo.. sembra fatto apposta.. la stanza è buia nonostante l’ora.. chiuso tutto fuori.. si tutto.. o quasi.. la solita candela accesa.. oggi profuma di cannella.. quello che passa il convento.. cannella o fresia.. oggi tocca alla cannella.. la prima parte delle feste è praticamente finita.. parenti regali pranzi e cene.. chissà se è finito anche lo spirito.. chissà se c’è mai veramente stato.. vabè…

Non c’ho niente da scrivere… ma proprio niente… solo un bisogno di farlo.. solo voglia di farlo.. bisogno forse di sfogarmi senza dire niente.. alla fine di questo scappo.. sparisco.. muoio.. volo.. mi disgrego.. vaporizzo.. o più semplicemente esco di casa e vado chissà dove… ma poi.. ma che mi frega di dove vado.. basta che vado.. si basta che vado..

Moti dell’anima.. pensieri che passano.. veloci.. a volte dolorosi.. a volte malinconici.. esorcizzarli mettendoli su carta.. tramutandoli in piccoli scarabbocchi.. turbolenze interiori.. baratri sui quali c’affacciamo nonostante la paura.. la voglia di lasciarsi cadere.. di lasciarsi andare.. come una candela bruciare da due lati per fare più luce.. ma per durare meno.. vorrei fosse notte.. anche se fa freddo.. notte.. buio.. uscire.. girare per ler strade di Roma mentre tutti dormono.. rintanati in casa per il freddo.. per la paura di chissà chi gira a quelle ore per strada.. per il sonno perchè la mattina dopo ci si deve alzare.. per smaltire la semi sbornia casaligna.. per noia.. per amore..
Fate bene a non uscire.. la notte girano demoni e mostri.. spiriti e fantasmi.. smascherati dalla luna.. senza regole.. lanciano le anime in alto per insegnarli a volare.. le regalano a chi gli assomiglia.. a chi sa regalargli un sorriso luminoso.. a chi sa far magie.. a chi ispira versi.. a chi diventa un pensiero costante..

Soli girano nella notte cercando della città gli angoli più bui e solitari.. quegli angoli in cui possono spogliarsi di tutto ed essere quel che sono.. indifesi.. umani.. forti.. potenti.. allegri.. tristi.. malinconici.. felici.. sorridenti.. lacrimanti.. piangenti.. solo quel che sono..

già… ma io…….

Colonna Sonora:

Ligabue – Piccola stella senza cielo
The Doors – The Doors
Dead Can Dance – Avion

Categorie:Senza categoria Tag:

Cosi non rischio di dimenticare nessuno..

24 Dicembre 2003 9 commenti

Tanti auguri a tutti.. che questi giorni vi ortino quel che volete e che questo natale sia come lo desiderate..

Baci..

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

Fumare fa male..

23 Dicembre 2003 6 commenti

Vivo, o almeno ci provo,
mentre il mondo
mi cicca in testa
la sua Marlboro del cazzo.

Categorie:Senza categoria Tag: ,

nulla

22 Dicembre 2003 5 commenti

Ho voglia di fuggire.. in questi attimi vorrei poter scomparire.. alzarmi in piedi e andar via.. cosi.. semplicemente.. camminare per questi corridoi fino all’uscita e una volta aperta la porta sparire nel crepuscolo.. Scomparire cosi.. nel vento come una sbuffata di fumo..
Leggero… volare via..
Uscire scappare fuggire lontano.. Andare senza meta… senza un punto d’arrivo… finchè tiene… andare avanti… un passo dopo l’altro.. senza pensare.. senza guardare.. solo andare.. fin quando non sarò stanco.. fin quando non avrò deciso che li andrà bene fermarsi.. o solo riposarsi.. sedere su una scalinata.. in mezzo ad una piazza.. sul bordo d’una strada..
guardare il cielo ed accorgersi che sarà sempre lo stesso..
Voler andar via.. lontano.. Inseguire il niente..
Voglio solo andar via..
In qualunque modo.. In qualunque posto..
Sto stretto..
Nel mio piccolo silenzio..
Voglio volar via..
Ho freddo.. Si freddo..

lontano..

Categorie:Senza categoria Tag:

sempre deliri

22 Dicembre 2003 Commenti chiusi

l’auricolare funziona male.. mi si sente solo quello di destra… cosi ho metà della testa che rimbomba della voce di Jim Morrison sparata a tutto volume e metà che cerca di andar via.. di perdersi nel mondo normale che c’è attorno a me.. quello che sto cercando di escludere grazie alla musica ed allo sguardo che salta dalla finestra allo schermo del pc e viceversa..
non ho concentrazione oggi.. pensieri.. si.. pensieri che corrono.. volano.. picchiano contro le pareti del cranio ed i colpi rimbombano come mazze ferrate contro le armature medievali.. colpi sordi.. ritmici.. o confusionari.. battuti a caso da chi di ritmo non ne capisce niente.. inutili.. senza logica.. ma perchè cercare la logica..
le occhiaie testimoniano l’ennesima notte senza sonno.. anche questa notte la passerò cosi..
la notte si sveglia.. entra in circolo e non mi lascia andare.. come sta facendo ora.. ma ora è calma.. è ancora intorpidita dal sonno.. ancora non è sveglia del tutto.. ancora no..

non è giornata.. stanotte uscirò..

Categorie:Senza categoria Tag: ,

strane cose..

22 Dicembre 2003 6 commenti

La voglia di dormire, come al solito, latita da me.. proprio mi evita come un appestato.. neanche c’avessi il campanello appeso sul bastone.. la serata è finita.. gli amici ormai sono tutti a casa sotto le pezze (come se dice da ste parti) beati e caldi.. Morfeo li ha chiamati uno per uno e li ha invitati personalmente al suo solito party notturno.. tutti tranne me.. Al solito.. e vabè.. poco male.. a me la notte piace parecchio e ne approfitto per godermi la città semi addormentata.. ovvero uscire di casa ad orari assurdi senza alcun motivo e senza nessuno che mi chieda dove vado a quell’ora.. uscire dal portone con la tranquillità di potermi mettere a correre attorno al palazzo completamente nudo con in testa un perizoma leopardato con tanto di coda che tanto nessuno mi vedrebbe.. bè.. no questo no.. sicuramente ci sarebbe qualcuno che non riuscendo a dormire si affaccierebbe tra i buchini delle tapparelle proprio nel momento in cui passo io saltellando nudo come un vermiciattolo e con la coda del perizoma che mi frusta il sedere cantando No woman No cry.. non farei una bella figura.. credo che rischierei d’essere rinchiuso in qualche clinica per malattie mentali.. ma forse cosi potrei veramente fare quello che voglio.. magari mi diverto pure e mi faccio nuovi amici.. oppure potrei venir rincorso da una folla che vuole approfittare del mio corpicino.. il che sinceramente per quanto potrebbe stuzzicarmi l’idea di trasgressione ed eccesso non mi troverebbe granchè d’accordo quantomeno sul numero dei partecipanti… la folla fa male.. perchè la folla sono tanti.. meglio la clinica con tanto di camicia di forza..
Per cui esclusa la corsa notturna in abiti adamici con in testa un perizoma maculato con tanto di coda che frusta i glutei (rassoda anche) attorno al palazzo, mi vedo costretto a ripiegare su una più normale passeggiata.. Anche perchè con il freddo che fa sti giorni ve ce vojo vede a voi a core pe strada tutti nudi a cantà Bob Marley..

…me so perso…

Colonna sonora – The Doors – Box set n.1 Disco n.2 Live in New York
Traccia n.10 – The End – Recorded Live at Madison Square Garden, New York 1970 – 18:01 minuti di viaggio infinito.. senza confini.. senza meta..

Categorie:Senza categoria Tag: ,

ancora deliri..

19 Dicembre 2003 10 commenti


Sono uscito dall’ufficio per andare al bar a prendere qualcosa da mangiare perchè ho saltato il pranzo.. Oggi è una giornata praticamente inutile dato che si passa a festeggiare prima delle ferie di natale tra pranzi e feste in stanza varie dell’ufficio.. Almeno per la maggior parte degli impiegati di questa società che si andranno ad ubriacare per poi tornare a lavoro in condizioni pessime.. per il sottoscritto che in condizione pessima già ci sta, oltre un dichiarato misogenismo cronico, che chissà se scrive cosi, nei confronti di buona parte dei “colleghi”, a tenerlo lontano dal pranzo è stato anche il lavoro ed un giretto per i blog nel tentativo di rimettermi in pari con le ultime pubblicazioni.. Che ce volete fà io pè magnà devo da lavorà..
poco fa, dicevo, sono uscito dall’ufficio per cercare di raggiungere il bar qui di fronte e trovare cosi qualcosa da mettere nello stomaco che, già in rivolta, stava preparando picchetti e sit-in per rompere i coglioni al resto degli organi che inveci professionali al massimo continuavano tranquilli il loro lavoro… credo di assomigliare un pò al mio stomaco.. vabè.. mi decido e spronato dalle urla di protesta e dai cartelli decido d’uscire prima che l’infame affamato decida di passare alle maniere forti e tirare su anche le barricate e caricare il fegato o i polmoni.. esco dall’ascensore e già inizio a sentire il freddo.. fuori il sole se n’è andato da un bel pò e giù all’ingresso dietro al banco del centralino non c’è anima viva.. strano.. Staranno festeggiando anche loro penso tra me e me mentre imbocco la porta per uscire.. Fuori la scena è sempre la stessa.. il parcheggio.. poche macchine.. lampioni arancioni.. nuvole di vapore dalla mia bocca.. freddo.. fame.. lo stomaco brontola.. mi avvio.. un bradipo seduto sotto un albero mi guarda assonnato e mi fa: “Ciao Quentin.. Dai che il grosso è fatto.” Sorride ed indica con la zampa un orso bruno che ride come uno scemo con gli occhi mezzi aperti e agita nell’aria uno spinello mentre sotto di lui un crotalo e un caimano con una birra in mano lo guardano male perchè non la passa.. sorrido.. è una situazione che conosco.. il bradipo mi chiede una cartina ed una sigaretta.. mi dice: “Dai siedi la faccio io questo giro, ma ricorda chi l’ariccia l’appiccia” e mi strizza l’occhio.. “Col cavolo bello. La sigaretta e la cartina te le do io, tu la fai e io l’accendo” ribatto io. “vabè ma il fumo e la mano d’opera ce le metto io e co’ sto freddo lo sai che te se congelano le dita e la cartina non gira e non si rolla. L’accendo io” mi dice ammiccante il bradipo che ho scoperto chiamarsi Gae.. Sorrido e gli faccio: “Me stai a cojonà?? tu le dita non ce l’hai! che te se congela? Dai su. tieni la sigaretta. L’accendino rosa lo rivoglio mi raccomando. Ora vado al bar a comprare le cartine che l’ho finite ieri sera. intanto tu prepara tutto e di a quei tre di stare buoni”. Un pò più in là l’orso, che si chiamava Fe, picchiava con affetto il crotalo, Bo, che rideva mostrando i denti nel tentativo di sgusciare fuori dal raggio delle lunghe e grosse braccia dell’orso. Poteva approfittare dell’agilità e della velocità che mancavano all’orso.. Il caimano, Ma, se ne stava sorridente e tranquillo da una parte a gustarsi la scena ed a finirsi lo spino. Gli passo accanto mentre mi diriggo verso il bar e lui me lo porge sempre sorridente. “Dai uccidila tu” mi dice. “ok grazie” non si rifiuta una gentilezza simile. potrebbe offendersi. La prendo dalle sue zampe e vedo che ne è rimasta ancora un pò.. una tirata.. il fumo riempie la bocca e poi scende nei polmoni.. caldo.. ha un ottimo sapore.. sputo fuori il fumo come se fossi un vulcano.. unisco le labbra e lo soffio verso l’alto.. una nuvola bianca e densa che se ne va nel buio.. un leggero brivido lungo tutto il corpo.. è il freddo.. l’orso e il rotalo si sono calmati e chiacchierano ridendo ancora.. un’altra tirata.. aspiro con tranquillità per far bruciar bene il misto.. ancora il fumo caldo ed aromatico nella bocca e poi giù per la gola.. sputo sempre verso l’alto e seguo la nuvola con lo sguardo finchè posso.. finchè non scompare dissolta nella notte.. faccio altre due tirare e sento dietro di me il bradipo che m’avverte che ha quasi finito e gli servono le cartine. butto lo spinello ormai finito. chiudo un attimo gli occhi per godermi gli effetti dell’hashish.. quando li riapro attorno a me non c’è nessuno e sono solo in mezzo al parcheggio.. guardo in alto.. una nuvoletta bianca piano piano scompare nella notte.. tra le stelle.. sorrido e vado al bar a comprare qualcosa da mangiare ed un pacchetto di cartine..

Categorie:Senza categoria Tag: ,

Deliri di un venerdi mattina..

19 Dicembre 2003 8 commenti

rispunto fuori dopo un lungo periodo di silenzio e di riflessione che non
m’ha portato poi molto lontano con le conclusioni raggiunte ma che è comunque servito a capire cose che tanto non mi serviranno a niente in futuro come non mi sono servite in passato o nel presente in quanto totalmente inutili anche come presenza di contorno in una vita che ci vuol portare chissà dove con tutte le sue prove ed esami alla fine essenziali quanto inevitabilimente idiote come la serie di parole che ho scritto fin qui che altro non sono se non una susseguirsi di piccoli simboli senza alcun legame logico che non hanno significato alcuno ma fanno una gran scena in quanto sembra che ci sia scritta chissà qualche grande verità sulla vita o sull’uomo invece di una serie interminabile di limpide cazzate frutto di un cervello atrofizzato ed anche liofilizzato ma perdonatemi è venerdi…

ammazza che porcheria che ho scritto…..

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

Musa

17 Dicembre 2003 8 commenti

Son rari gioielli i miei pensieri
Quelli dolci poi…
Ma te ne faccio dono volentieri…
In fondo
nascono per te..

Categorie:Senza categoria Tag: